Materiali didattici

Scheda in continua elaborazione ed aggiornamento

Materiali didattici per la comprensione dei fenomeni migratori

Siti

www.parlezvousglobal.org. Sito multilingue (in inglese, francese, italiano, rumeno e tedesco) dedicato a insegnanti e studenti di scuole secondarie di I e II grado. Nel sito si trovano: percorsi, attività e strumenti per lavorare sulla cittadinanza mondiale, le migrazioni e l’intercultura a scuola; esperienze di lavoro e scambio tra scuole in Austria, Francia, Italia, Romania, Senegal, Burkina Faso e Benin. Il sito è promosso da CISV, ACRA-CCS, COSPE, COOPI, Sudwind Agentur, APDD-Agenda 21, UNMFREO, dall’Associazione italo-senegalese Stretta di Mano e dalla Compagnia di San Paolo, finanziato da Unione europea, Fondazioni4Africa e Fondazione De Agostini. Canale Youtube collegato: Parlez-Vous Global.

Lavorare a scuola sul tema delle migrazioni. Una premessa metodologica al progetto “Oltre le migrazioni”, 2012. I percorsi didattici, per scuole secondarie di 2° grado, suggeriti dal progetto: Luoghi comuni, stereotipi e pregiudizi: un’economia della mente che diventa un’ avarizia del cuore - I media e le migrazioni - I diritti di cittadinanza per i migranti - Viaggio nella “Città Migranda” - Siamo tutti e migranti - Agiamo per il nostro pianeta. Oltre le migrazioni è una piattaforma interattiva dedicata a docenti, formatori e studenti per reperire rapidamente informazioni e approfondimenti sul tema delle migrazioni, con un’attenzione particolare ai flussi da Africa a Europa. Progetto promosso da Cisv, Fieri e Il Nostro Pianeta, con finanziamento della Compagnia di San Paolo. Aggiornata a giugno 2013.

La scrittura non va in esilio, materiali del concorso nazionale promosso dalla Fondazione Centro Astalli in collaborazione con l'Assessorato alla Famiglia, Educazione e Giovani di Roma Capitale. Sul sito è possibile leggere i racconti vincitori delle passate edizioni. "La scrittura non va in esilio" è dedicato agli studenti degli istituti secondari superiori. I ragazzi devono stendere un racconto che affronti un tema a scelta tra quelli proposti dai progetti: il diritto di asilo, l'immigrazione, il dialogo interreligioso, la società interculturale.

Mappe interattive

The global flow of people. Sito realizzato da Nikola Sander, Guy J. Abel e Ramon Bauer, del Wittgenstein Centre for Demography and Global Human Capital. Offre una visualizzazione interattiva dei principali flussi migratori a livello globale tra e all'interno dei singoli paesi. I dati visualizzati sono suddivisi per periodi di cinque anni dal 1990 al 2010. Vai all'articolo di presentazione Quantifying Global International Migration Flows, pubblicato su Science, 28 March 2014, Vol. 343, no. 6178, pp. 1520-1522.

Where We're From. Mappa interattiva sui flussi migratori nel mondo. E' possibilie visualizzare i dati in ingresso e in uscita dei singoli paesi. Dal sito dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (OIM). Dati utilizzati: 2015.

Mar Mediterraneo, tomba di migranti <> The Migrants' file: Progetto curato dal network di Data-journalism Dataninja, vincitore del Datajournalism Awards 2014. Consiste in una mappa interattiva che consente di localizzare e visualizzare le dimensioni dei naufragi in cui sono incorse le "persone che hanno pagato con la vita il tributo di sangue per il tentativo e la speranza di entrare nella Fortezza Europa", dal 2009 a ottobre 2013 . E' costruita sui dati dell’osservatorio Fortress Europe di Gabriele del Grande e quello della NGO United for Intercultural Action. A questi si aggiungono alcuni dati provenienti dal progetto PULS dell’Università di Helsinki in collaborazione con il Joint Research Center of the European Commission.

Peoplemovin. Migration flows across the world. "The main source of data for this visualization is the Bilateral Migration Matrix from the Worldbank website". Dati aggiornati al 2010). "Peoplemovin is an experimental project in data visualization by Carlo Zapponi."

Cartografie

International migration wallchart 2015. "This wallchart presents the 2015 the latest estimates of international migrant stock for 232 countries or areas". Mappa stampabile dalla pagina dedicata all'International Migration Report 2015 del sito delle Nazioni Unite. Vai alla mappa in archivio Cestim.

I circuiti dei migranti. Carta di Laura Canali. "Carta inedita per Limesonline sulle frontiere calde delle migrazioni, con un focus sui profughi dalla Siria." 25 settembre 2015. Dal sito www.limesonline.com.

Da dove vengono i migranti? Carta di Laura Canali, in Limes 1/2015 "Dopo Parigi, che guerra fa" (16 febbraio 2015) e in Limes 6/2015 "Chi bussa alla nostra porta" (17 luglio 2015). Dal sito www.limesonline.com.

Le traversate del deserto. Carta di Laura Canali, in Limes 6/2015 "Chi bussa alla nostra porta" (17 luglio 2015). Dal sito www.limesonline.com.

Invasione des barbares, in Limes 6/2015 "Chi bussa alla nostra porta". Una carta storica del 1850 scelta e commentata da Edoardo Boria. Dal sito www.limesonline.com, 10 settembre 2015. [Fonte: F. SOULIER, Invasion des barbares, da “Atlas élémentaire simplifié”, Paris 1850, J. Andriveau- Goujon]

Muri e frontiere, mappe di Riccardo Pravettoni, in Internazionale, n. 1039, rubrica Atlante, 21 febbraio 2014. Tre mappe dai titoli: Movimenti controllati - Il libero mercato dei migranti - Divide et impera. Dal sito archivio.internazionale.it
Le mappe sono disponibili anche nella sezione Cartoteca del sito www.cartografareilpresente.org.

La mappa non è il territorio. Percorso didattico di Giordano Golinelli, a cura della Fondazione ACRA-CCS Insieme per lo sviluppo.
Il video illustra le implicazioni politiche connesse alla rappresentazione cartografica; racconta la nascita della Carta di Peters, nata per risolvere la distorsioni della mappa di Mercatore e mantenere le reali proporzioni tra le superfici dei continenti. Obiettivi del percorso: Imparare a decentrare il proprio punto di vista; Conoscere la Carta di Peters e altre proiezioni geografiche del mondo; Stimolare la cooperazione. Dal sito Parle-vous global

Confini, migranti e rifugiati. Studi cartografici, di Philippe Rekacewicz, traduzione di Giulio Frigieri, Marianna Pino e Marion Lecoquierre. Dicembre 2009. "È impossibile parlare delle migrazioni di esseri umani senza evocare i confini che altri esseri umani erigono. La relazione tra i due fenomeni è infatti molto stretta, dal momento che il confine è l’ostacolo più pericoloso in cui si imbatte il migrante, clandestino o meno, nel corso del suo viaggio. [...] Le carte qui esposte sono schizzi fatti a matita, il cui aspetto incerto testimonia la natura del confine stesso: ambivalente e paradossale". Dal sito: Storicamente. Laboratorio di storia, Università Alma Mater Studiorum, Bologna.

I grandi flussi migratori alla fine del XX secolo. Mappa collegata alla voce "Migrazione" del sito Dizionaripiu Zanichelli - Storia digitale, sezione Mappe storiche

Dati statistici

Dati ISTAT:
Tavole: Popolazione straniera residente al 1° gennaio 2016 per età e sesso.
Tavole: Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2014 per sesso e cittadinanza.
Dati rilasciati il 10 giugno 2016. Dal sito: demo.istat.it.

Dossier Statistico Immigrazione 2015, a cura di Centro Studi e Ricerche IDOS, in partenariato con Confronti e in collaborazione con Ufficio Nazionale Anti Discriminazioni /UNAR. Scheda di Sintesi - Scheda Dossier Statistico Immigrazione 2015: 15 punti chiave. Presentato il 29 ottobre 2015.

Stranieri, area tematica del sito "Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo", a cura dell'Istat. Il sito offre un quadro d’insieme dei diversi aspetti economici, sociali, demografici e ambientali del nostro Paese, delle differenze regionali che lo caratterizzano e della sua collocazione nel contesto europeo. Nella sezione Stranieri sono disponibili grafici per Italia, Regioni, Europa.

Sei grafici ci dicono come smontare i luoghi comuni sull’immigrazione, articolo di Jacopo Ottaviani, pubblicato su il sito di Internazionale, 17 settembre 2015. I grafici rispondono alle domande: 1) L’Europa rischia l’invasione? 2) I migranti minacciano lo stato sociale dei paesi europei? 3) I migranti fanno aumentare la disoccupazione? 4) Gli immigrati in Italia pagano le tasse? 5) I paesi con più profughi sono in Europa? 6) L’Europa ha bisogno dei migranti?

Migranti e immigrati nel mondo a livello internazionale, nazionale e locale. Aggiornamenti in slide didattiche di sintesi, a cura di Gloria Albertini del Cestim. Ultimo aggiornamento: 07 luglio 2016

Video, docu-film, web-series

Look Around. Per non restare indifferenti, sito del progetto didattico promosso dall’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) e realizzato dall’associazione Il Razzismo è una brutta storia. Uno strumento rivolto a insegnanti, educatori e operatori sociali per sensibilizzare sui temi delle discriminazioni razziali, delle migrazioni, dei diritti umani e di cittadinanza. Il progetto è costituito da un kit contenente 2 DVD con 20 cortometraggi da tutto il mondo per bambine/i, ragazze/i in lingua originale sottotitolati in italiano che offrono spunti educativi. Sul sito sono disonibili: la guida per gli inseganti, una bibliografia e una filmografia, il questionario di valutazione. I dvd possono essere richiesti gratuitamente, fino a esaurimento copie dal sito.

Lettere italiene. The web-series. Sei racconti, sei personaggi, sei cortometraggi di sei minuti diretti da Federico Micali e Yuri Parrettini, prodotti da L’Occhio e La Luna e COSPE. "Partendo dall’esperienza editoriale di Nuove Lettere Persiane, curato da COSPE, in collaborazione con la Rivista Internazionale ed edito da Ediesse nel 2010, il progetto di web serie LETTERE ITALIENE vuole approfondire attraverso un percorso che incrocia il cortometraggio con il web, sei storie attraverso altrettante lettere che richiamano diversi percorsi di cittadinanza sperimentati dai nuovi “Italieni”:  persone di origine immigrata che risiedono in Italia, e che ben si riconoscono in quella crasi tra Italiano e Alieno felicemente creata dalla rivista Internazionale  per una sua seguitissima rubrica."

Sciabica, sito promosso da Fabrica che raccoglie storie e testimonianze di migranti. I video sono utilizzabili per laboratori con alunni.
"Sciabica è una parola di origine araba che significa "rete da pesca". Per FABRICA, Sciabica è una rete che, partendo da Lampedusa, raccoglie storie di migranti lungo le rotte della disperazione, in Africa e in Medio Oriente, e della speranza, in Europa".

Immigrazione, video di Natalino Balasso, 2015, 5,24'.

Parlez-Vous Global, Canale Youtube collegato al sito omonimo.

(In)visible cities, sito del docu-film omonimo con materiali video e foto sulla diaspora africana nel mondo. "(IN)VISIBLE CITIES è la narrazione del viaggio di Beatrice Ngalula Kabutakapua, giornalista Italo-Congolese, e del regista Gianpaolo Bucci, alla ricerca dei quartieri dove i migranti africani risiedono in 13 città del mondo. [...] Il fine è ritrarre le comunità Africane allontanandosi da un’immagine stereotipata e privilegiando le storie di vita comune di persone che lavorano, vivono, amano." Dal comunicato stampa di presentazione del progetto. Presentato in anteprima Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, Maggio 2014.

Immigrazione: risorsa o minaccia?, presentazione video di Fadi Hassan e Luigi Minale. "In Italia tutti parlano di immigrazione, ma la conoscenza generale del fenomeno passa spesso attraverso una serie di idee preconcette e casi di cronaca non rappresentativi, sebbene a forte impatto mediatico. Ma è vero che gli immigrati rubano il lavoro agli italiani e ne fanno abbassare i salari? E' vero che hanno fatto aumentare la criminalità? Con questo lavoro vogliamo analizzare l’immigrazione in modo rigoroso e basandoci su dati effettivi". Novembre 2010. Dal sito www.quattrogatti.info

Viaggi nelle storie. Frammenti di cinema per narrare, di Costanza Bargellini, Silavana Cantù, Fondazione ISMU e Associazione Generale Italiana per lo Spettacolo Lombardia, Regione Lombardia, 2007. Cofanetto multimediale composto da quattro DVD e un CD. Ciascun DVD contiene numerose sequenze filmiche che, raggruppate in capitoli, affrontano da più punti di vista quattro diverse tematiche: “Crescere”, “Famiglia”, “Lavoro” e “Migrare”. Il cofanetto può essere richiesto a: segreteria2@ismu.org

Schede

Raccomandazioni per una corretta comunicazione sull’immigrazione, strumento operativo elaborato dalla Fondazione Leone Moressa all'interno de Il valore dell'immigrazione, su Immigrazione e stereotipi. Gennaio 2015.

Immigrazione: costi o benefici? Il valore dell'immigrazione, ricerca realizzata dalla Fondazione Leone Moressa, con il sostegno della Open society Foundations, presentata il 29 gennaio 2015 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sintesi della ricerca. Slide di presentazione. "Che tipo di informazione veicola la carta stampata italiana sul tema dell’immigrazione, e qual è il ruolo che ricopre nella costruzione dell’immagine pubblica degli immigrati? In quale misura partecipa a quel processo di costruzione di senso comune che, per definizione, è il modo di “sentire” del grande pubblico? La Fondazione Leone Moressa intende inserirsi in questo percorso a sostegno di una comunicazione corretta e consapevole, dando un contributo specifico nell’ambito di sua competenza: l’economia dell’immigrazione."

Migrazioni. Materiali per lo studio dei movimenti migratori tra presente e passato (per una classe seconda liceo), di Silvana Bianchi. Percorso didattico sulle migrazioni, 50 p., con dati aggioranti al 1° gennaio 2008. Dal sito

Schede didattiche, realizzate dal Cestim nel dicembre 2004, contenute nel DVD "La Città delle differenze". Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Luci nel Mondo, Centro Studi Interculturali dell'Università di Verona, Centro Missionario Diocesano e Centro Unitario Missionario: - Pregiudizi e stereotipi - Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? - La convivenza difficile. Tra realtà e pregiudizi - Immigrati e criminalità: quale relazione? - L’Italia fra emigrazione e immigrazione - Quale identità culturale per la seconda generazione? - L’integrazione è possibile - I musulmani in Italia - Lavoro e immigrazione - Immigrati e salute

Verso la costruzione di un’identità interculturale: proposta didattica per la scuola secondaria di I grado, a cura di Anna Licandro. L'unità didattica è dedicata all'elaborazione e all'analisi dei dati statistici sull'immigrazione in Italia.

L’immigrato come risorsa economica e problema sociale. Dati e spunti di riflessione per un dibattito, a cura di Carlo Melegari, direttore del Cestim, per la rassegna cinematografica "Il cammino della speranza. Le migrazioni nel cinema”, Verona, marzo 2004

Materiali didattici sull'immigrazione, a cura di Cestim e Mlal, Verona, 2001

Musei virtuali

Migrador Museum. Storie di immigrati in Italia, Italia

History of International Migration, Leiden University. Sito dedicato agli studenti e ricercatori che vogliano studiare la storia dei movimenti migratori che hanno coinvolto l'Europa dall'origine dell'uomo ai nostri giorni. In lingua inglese

www.histoire-immigration.fr, sezione del sito del Musèe de l'histoire de l'immigration di Parigi. All'interno si trovano dossier tematici oltre a un film che ripercorre le tappe storiche dell'immigrazione oltralpe

Vai alla scheda Cestim collegata: Musei

Materiali didattici per la critica del pregiudizio razzista e xenofobo

I am a migrant, campagna internazionale e piattaforma web, a cura dell'OIM, per contrastare gli stereotipi negativi sui migranti e il linguaggio di odio e ostilità. E' possibile raccontare e caricare sul sito la propria storia di migrazione. Campagna internazionale promossa dall'OIM e sostenuta da un consorzio di partner, tra i quali le Nazioni Unite, il Joint Council for the Welfare of Immigrants (JCWI) e Facebook.

Look Around. Per non restare indifferenti, sito del progetto didattico promosso dall’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) e realizzato dall’associazione Il Razzismo è una brutta storia. Uno strumento rivolto a insegnanti, educatori e operatori sociali per sensibilizzare sui temi delle discriminazioni razziali, delle migrazioni, dei diritti umani e di cittadinanza. Il progetto è costituito da un kit contenente 2 DVD con 20 cortometraggi da tutto il mondo per bambine/i, ragazze/i in lingua originale sottotitolati in italiano che offrono spunti educativi. Sul sito sono disonibili: la guida per gli inseganti, una bibliografia e una filmografia, il questionario di valutazione. I dvd possono essere richiesti gratuitamente dal sito, fino a esaurimento copie.

Vicini, sitcom dell’UNAR (Ufficio NAzionale Contro le Discriminazioni Razziali) prodotta nel 2012. Utilizzando la struttura e il linguaggio del genere mette in scena, in chiave ironica, i diversi pregiudizi che le persone, seppure in perfetta buona fede, si trovano ad avere quando entrano in contatto con la ‘diversità’. 5 episodi disponibili sul canale YouTube dell'UNAR.

www.parlezvousglobal.org. Sito multilingue (in inglese, francese, italiano, rumeno e tedesco) dedicato a insegnanti e studenti di scuole secondarie di I e II grado. Nel sito si trovano: percorsi, attività e strumenti per lavorare sulla cittadinanza mondiale, le migrazioni, l’intercultura, i pregiudizi e gli stereotipi. Il sito è promosso da CISV, ACRA-CCS, COSPE, COOPI, Sudwind Agentur, APDD-Agenda 21, UNMFREO, dall’Associazione italo-senegalese Stretta di Mano e dalla Compagnia di San Paolo, finanziato da Unione europea, Fondazioni4Africa e Fondazione De Agostini. Canale Youtube collegato: Parlez-Vous Global

Nei miei panni. Videogioco promosso dall'UNAR Ufficio nazionale contro le discriminazioni. Hai mai provato a essere un immigrato? I giocatori vengono invitati a vivere la vita di quattro protagonisti stranieri per un mese in Italia con un budget limitato, prendendo così coscienza delle difficoltà affrontate quotidianamente da chi generalmente migra nel nostro Paese.

Experiment Translation, video-esperimento realizzato dall'agenzia lituana Svetima Geda per contrastare gli insulti razziali diffusi sul web. "In quella che sembra essere una sala di attesa, un extracomunitario chiede alle persone, che di volta in volta gli siedono accanto, di tradurgli dei post che qualcuno ha pubblicato scrivendo in lituano sulla sua pagina Facebook. E’ arrivato da poco in Lituania, non sa ancora parlare bene la lingua e ha bisogno di un aiuto per capire il senso di quelle parole. Donne, uomini e perfino un bambino si dimostrano subito molto disponibili, ma non appena gli occhi si posano sul tablet la loro espressione cambia...". Dal sito 3nz Social Viral Trends, Marzo 2015

Parlare civile. Comunicare senza discriminare. Piattaforma online a cura di Redattore Sociale, in collaborazione con Parsec. Il progetto è volto a fornire un aiuto pratico a giornalisti e comunicatori per trattare con linguaggio corretto temi sensibili e a rischio di discriminazione. È il primo in Italia che affronta in una cornice unica i seguenti argomenti: Disabilità, Genere e orientamento sessuale, Immigrazione, Povertà ed emarginazione, Prostituzione e tratta, Religioni, Rom e Sinti, Salute mentale.

Le parole contano campagna internazionale promossa da Picum Platform for International Cooperation on Undocumented Migrants, per abolire la definizione di “migrante illegale”. Scarica l'opuscolo in italiano, 2 p. Dal sito della Carta di Roma.

Percorso didattico contro la discriminazione, a cura di Amnesty International, 2012. Percorso dedicato ai docenti delle scuole secondarie di I grado, articolato in tre parti: antisemitismo, rom, migranti. I materiali didattici hanno l'obiettivo di aiutare ragazze e ragazzi a riflettere sul ruolo degli stereotipi e della comunicazione nella costruzione della diversità e nella rappresentazione negativa dei migranti e delle minoranze.

Mandiamoli a casa, i luoghi comuni. Razzismo e pregiudizi: istruzioni per l’uso. Da un'idea di Andrea Civati, con la collaborazione di Giuseppe Civati, Ida Curti, Ernesto Ruffini, Roberto Tricario, Alessandro Capriccioli, Francesca Terzoni. Iniziativa de “La Banda Larga”. Febbraio 2010

Mapping Stereotypes, progetto artistico di Yanko Tsvetkov, alias Alphadesigner. Le tavole cartografiche dell'Europa e del Mondo disegnate sulla base di stereotipi sono raccolte in due volumi che è possibile acquistare. Alcune mappe sono visibili dal sito Mapping Stereotypes. Sul sito de IlSole24Ore è pubblicato l'articolo Viva l'Europa dei luoghi comuni! Ecco gli stereotipi con cui la vedono gli abitanti di ciascun paese, con le mappe de L'Europa dei luoghi comuni vista da Austria, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Svizzera, Vaticano (2010-2012).

Un'arma contro il razzismo: La parola, scritto di Rossella Poli, 53 p.

Immigrati in Italia pregiudizi e realtà. Schede Cestim per una riflessione critica su quello che si dice al bar quando non si è correttamente informati, 2001. A cura di Matteo Ferrari e Carlo Melegari.

L'eredità di Auschwitz. Shoah, Stato-nazione, cittadinanza, migrazioni. Un percorso didattico. di Andrea Maggi, Università Cà Foscari di Venezia S.I.S.S. Scuola regionale interateneo di specializzazione per la formazione degli insegnanti della scuola secondaria. Tesi finale di diploma, Anno Accademico 2001-2002 (Frontespizio - Indice - Testo tesi - Bibliografia).

Le razze non esistono. Si sapeva. Ma i genetisti ci credono ancora. Articolo di "Internazionale", n. 207, 14 novembre 1997. Traduzione di un articolo apparso sulla rivista francese "La recherche".
Altri articoli:; Nei nostri geni non c'è traccia di DNA neandertaliano; Paleologia. La madre della nostra madre; La culla africana di Adamo La patria comune. Veniamo tutti dall'Africa e l'abbiamo lasciata non più di centomila anni fa.

In lingua inglese

RacismNoWay. Anti-rcism education for Australian schools. All'interno del sito è consultabile la sezione Teaching Resources

ECRI - Materiali didattici contro il razzismo (Cartoon book - Cartoon guide - Domino Education Pack - Logos - Passport against intolerance - Video clips ). I materiali sono in lingua inglese o francese

Multicultural Pavilion, offre materiali e risorse per educatori, insegnanti, studenti per conoscere e approfondire i temi dell'educazioe multiculturale e per il superamento dei pregiudizi razziali (il sito è in lingua onglese ed è realizzato da un gruppo di insegnanti dell'Università di Virginia)

TOLERANCE.ORG (combatti l'odio e promuovi la tolleranza) Web project del Southern Poverty Law Center (USA) che mette a disposizione materiali didattici, notizie e documenti utili per combattere l'odio e promuovere la tolleranza

MATERIALS FOR SCHOOLS (Commission on the Future of Multi-Ethnic Britain)

School Policies for Race Equality and Cultural Diversity (UK)

Materiali didattici per l'educazione interculturale

Siti di approfondimento

Centro COME, servizio della Cooperativa Sociale “Farsi Prossimo” di Milano che opera dal 1994 per promuovere: l’inclusione sociale e culturale dei bambini e dei ragazzi stranieri in Italia; l’inserimento educativo e scolastico degli alunni che hanno origini altrove; lo scambio e la valorizzazione delle biografie personali, dei riferimenti culturali e delle lingue d’origine; la tutela delle situazioni di vulnerabilità attraverso l’attenzione alla storia di ciascuno, alla cura e alla relazione.

Documentazioni, materiali e pubblicazioni, sezione del sito del CD>>LEI Centro di Documentazione Laboratorio per un'Educazione Interculturale, Bologna.

CEM Mondialità. Il portale dell'educazione interculturale.

Risorse didattiche, sezione del sito del VIS, Volontariato Internazionale per lo Sviluppo, ricca di schede, percorsi, giochi e materiale multimediale per educare alla mondialità.

Idee per una didattica interculturale, dalla pagina Intercultura del sito Scuolaacolori di Montebelluna

Risorse online

Progetto 7 milioni di Altri, sito promosso da Fondazione Goodplanet, con il sostegno di BNP Paribas. Il sito contiene "6.000 interviste filmate in 84 Paesi da circa venti registi alla ricerca degli Altri. Dal pescatore brasiliano al negoziante cinese, dall'artista tedesco al contadino afgano, tutti loro hanno risposto alle stesse domande su sogni, paure, sofferenze e speranze: Cos’hai imparato dai tuoi genitori? Cosa desideri trasmettere ai tuoi figli? Quali difficoltà hai incontrato? Cos'è per te l'amore?"

Materiali didattici e piste di lavoro per docenti delle scuole dell’obbligo, Progetto UDICOM Uguaglianza, diversità e comunità: percorsi per una scuola antirazzista e dell'inclusione. Progetto finanziato dalla Regione Toscana, realizzato nell'anno scolastico 2010-11 da Università per Stranieri di Siena, Oxfam Italia, L'altra Città Formazione e Orientamento, Centro di Documentazione Città di Arezzo, Archè, associazione Rilindja, E-Form.

Accettare la diversità: un manuale interattivo in progress. Nato da un’idea di Umberto Eco, di Furio Colombo e di Jacques Le Goff, realizzata sotto l’egida dell’Académie Universelle des Cultures, 2005
"È un manuale destinato a persone che intendono educare i ragazzi alla accettazione della diversità. Essi possono essere insegnanti di scuola o anche persone che decidono di riunire dei ragazzi per organizzare uno stage di educazione alla diversità. Non si è stabilita l'età minima e massima dei ragazzi, perché la scelta deve dipendere dall'educatore, secondo i luoghi e le circostanze." Dall'introduzione di Umberto Eco.

Pedagogia Interculturale con risorse generali nazionali ed internazionali, forum, riviste, articoli e progetti. Dal sito di Formazione Aperta in rete

Glossario dell'educazione interculturale, di Aluisi Tosolini, dal sito della Direzione Didattica di Pavone Canavese.

L’approccio con la cultura araba e nordafricana di Elisabetta Bartuli. Dal Sito "Sistemi e Culture"

Dialogo interreligioso

Incontri. Percorso a schede sul dialogo interreligioso, a cura della Fondazione Centro Astalli onlus, VIII edizione, 2014, 64 p.
Il sussidio propone un itinerario di approfondimento finalizzato a fornire una prima conoscenza delle religioni monoteistiche maggiormente praticate nel mondo e presenti in misura sempre più consistente anche nel nostro paese.

CADIR Centro Ambrosiano di Documentazione per le Religioni (Arcidiocesi di Milano). Sito di approfondimento sul dialogo interreligioso e lo studio sulle religioni.

Fiabe e favole dal mondo

Raccontami una fiaba. 268 storie raccolte nelle scuole e fra i genitori immigrati all'interno del “Progetto Educazione Interculturale” della Regione Marche, con il coinvolgimento di circa cento scuole coinvolte, 2002. Dal sito di CREMI Centro ricerca e Mediazione Interculturale del Comune di Fano e Centro Regionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza delle Marche.

Le fiabe. Raccolta di fiabe e leggende provenienti dai diversi paesi del mondo, dall'Africa all'India, dalla Russia all'Irlanda. Dal sito www.lefiabe.com

Le favole dal mondo arabo. Raccolta di tutte le più belle favole arabe, dal sito Arab.it

Poesie, racconti e fiabe ungheresi. Dal sito ungherese.weebly.com

Fiabe e favole dal mondo. Dal sito paroledautore.net

Libro dei popoli, Osservatorio Regionale Immigrazione, Rete Informativa Immigrazione, a cura di VenetoLavoro. Raccolta di storie, aneddoti, proverbi provenienti da tutto il mondo (Senegal, Ghana, Nigeria, Moldavia, Ucraina, Bangladesh, Filippine). Dal sito della Rete informativa Immigrazione Veneto.

Materiali didattici sul diritto di asilo e i rifugiati

Nei panni dei rifugiati. Percorso a schede sul diritto di Asilo. A cura del Centro Astalli, 2014, 72 p. Dal sito del Centro Astalli

Educational Resources for Teachers. Sezione del sito di Unhcr con materiali didattici sul tema dei rifugiati (in inglese)

Piccoli rifugiati, bambini come noi, Unhcr - Acnur
"Piccoli rifugiati, bambini come noi" ha lo scopo di sensibilizzare i bambini italiani al problema dei rifugiati ad avvicinarli ad una realtà difficile spesso percepita erroneamente. In particolare, si vuol far capire ai bambini tra gli 8 e 11 anni chi sono i rifugiati e quanto sia doloroso essere costretto ad abbandonare la propria casa per mettersi in salvo.

Orchestre interculturali

Visita la sezione Cestim collegata: Orchestre interculturali dalla pagina dedicata ai Musei

Materiali didattici sull'emigrazione italiana

Visita la scheda Cestim collegata: Emigrazione italiana - Materiali didattici

CESTIM Centro Studi Immigrazione onlus
C.F. 93039900233 - P.IVA 02251650236
via Cavallotti, 10 - 37124 Verona
Tel. 0039-045-8011032 - Fax 0039-045-8035075

Contatti

"La prima schiavitù è la frontiera. Chi dice frontiera, dice fasciatura.
Cancellate la frontiera, levate il doganiere, togliete il soldato, in altre parole siate liberi.
La pace seguirà." (Victor Hugo)
"Se voi avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora io reclamo il diritto di dividere il
mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro.
Gli uni sono la mia patria, gli altri i miei stranieri" (don Lorenzo Milani)